Festival dell’Oralità Popolare – XI.a edizione 11, 12 e 13 novembre 2016

opsito

- 8 GIORNI A OP

“Festival dell’Oralità Popolare – XI.a edizione”

11, 12 e 13 novembre 2016

 

Il 28 ottobre si è tenuta presso la Pastorale migranti la conferenza stampa di presentazione del programma del Festival internazionale dell’Oralità Popolare, XI.a edizione, alla presenza dei rappresentanti istituzionali della Regione e del Consiglio Regionale del Piemonte, della Città di Torino e dei soggetti aderenti ai progetti della Rete Italiana di Cultura Popolare e attivi nei settori sociali e culturali del territorio. 

Il programma del Festival prevede un fine settimana a Torino, il 12 e 13 novembre, coinvolgente per ogni ordine di età, preceduto da un’introduzione serale performativa con gruppi di musica popolare venerdì 11 presso la stazione di Porta Nuova, e le case di quartiere Bagni di Via Agliè 9, e Cascina Roccafranca, via Rubino 45.

 

SAVE THE DATE Festival dell’Oralità Popolare XI.a edizione Torino – 11, 12 e 13 novembre

 11-12-13 Novembre 2016

 

op2016traspsitosmall

 

  

SAVE THE DATE

 Festival dell’Oralità Popolare

XI.a edizione

Torino – 11, 12 e 13 novembre

  

 

Bando di concorso Premio Gianni Oberto 2016

 

 

 OBERTO

 

Bando di concorso Premio Gianni Oberto 2016

 

 

La Biblioteca della Regione Piemonte, situata presso  il Consiglio regionale del Piemonte  e con la quale la Rete Italiana di Cultura Popolare ha siglato nel 2015 un Protocollo d’intesa, bandisce il concorso a premi
Premio Gianni Oberto – Edizione 2016”.

 

Scarica il Bando di Concorso Premio Gianni Oberto 2016

 

 

Tecnica della Narrazione 2016-2017

  

Narrazioni

 

Laboratori e incontri sulla
Tecnica della Narrazione 2016-2017

A COSA SERVONO LE PAROLE DI UN NARRATORE
 
 
"Ci sono parole per ogni occasione o almeno così crediamo. Pensiamo erroneamente che sia sufficiente usarle, pronunciarle come se bastasse mettere insieme quei suoni per ottenerne i benefici. Non è così, le parole si portano addosso il peso di un passato, del contesto in cui le costringiamo a vivere, del ritmo e della musicalità. Inoltre hanno un corpo, il nostro, con cui spesso ci litigano o rarissime, meravigliose volte ci fanno all'amore".
 
Antonio Damasco