SUSTAIN OUR PROJECTS

OPPURE

C'è un modo per sostenere la Rete che non ti costa nulla: devolvere il 5*1000 della tua dichiarazione dei redditi alla Rete Italiana di Cultura Popolare.
Il codice fiscale è 08911340019. Clicca qui per maggiori informazioni
 

Notizie dal Calendario Rituale

banner-calendario riti e feste

Social Network

banner-fbbanner-youtube

banner-tw

RSS Feed

feed-image News



Logo_RETE Fondazione-Cassa-Risparmio-Modena  Montecreto_copy

con il patrocinio  di   Regione-Emilia-Romagna  

IMMAGINE-VERDE_MONTECRETO_copyCOMUNE DI MONTECRETO

PROVINCIA DI MODENA

Dall’ 8 al 10 Agosto

Palafestival

La Rete da anni prosegue la collaborazione con il territorio modenese. Montecreto, piccolo comune di 800 abitanti e luogo di indagine di Francesco Guccini, uno tra i più importanti cantautori italiani, che, insieme ad alcuni cantori del territorio, ha fatto numerose ricerche sui canti del frignano, diventa a metà agosto il centro dell’Appennino tosco emiliano. Tre giorni di incontri, proiezioni e concerti per continuare ad approfondire la cultura popolare, soprattutto negli ambiti musicali.

Lunedì 8 Agosto

Ore 20.30 Berta Bassi: l’ultima cantastorie
Ore 21.30 Il Progetto di Integrazione dell’Orchestra Multietnica di Arezzo 
Ore 22.00 Orchestra Multietnica di Arezzo in concerto

Martedì 9 Agosto
Ore 20.30 Sciamboli e Canti all’Altalena. Presentazione del progetto editoriale
Ore 21.00 Viulan in Concerto
Ore 22.00 Umberto Sangiovanni e Dauniaorchestra presentano “Sciamboli e Nuovi Inverni” 

Mercoledì 10 Agosto
Ore 20.30 Laboratorio di Musiche e Danze salentina, a cura degli Alla Bua
Ore 22.00 Alla Bua in concerto

 

Berta Bassi: l’ultima cantastorie

Berta Bassi è nata nel 1928 alle “Quaiote”, una corte agricola della Sinistra Mincio, nel cuore della zona risicola del Mantovano. Attualmente vive a Tripoli di San Giorgio di Mantova. Durante le veglie invernali, dalla viva voce della madre, anche lei mondina e rinomata “novellatrice di stalla”, ha appreso un ampio repertorio orale di racconti popolari e fiabe tradizionali, che è poi venuta riproponendo, ininterrottamente dagli anni Cinquanta sino ad oggi. Il repertorio narrativo di questa “folista” include oltre trenta racconti orali, che spaziano tra i “generi” più vari: fiabe di magia, novelline popolari, fiabe di animali, fiabe a catena, tutte provenienti dal patrimonio tradizionale appreso dalla madre.

Introduce: Giancorrado Barozzi, presidente del Museo Polironiano di San Benedetto Po, che ha effettuato la registrazione digitale delle fiabe.

 

Il Progetto di Integrazione dell’Orchestra Multietnica di Arezzo

Quello che ha portato alla formazione dell'orchestra e alla definizione del suo repertorio è stato prima di tutto un percorso formativo finalizzato alla conoscenza e all'approfondimento delle strutture di base delle musiche tradizionali delle aree del mediterraneo, per incrociarle con la tradizione italiana ed europea. Tale attività ha mantenuto la caratteristica del laboratorio permanente, tuttora aperto a nuovi inserimenti soprattutto per quanto riguarda i musicisti stranieri. Dal percorso formativo iniziale si è costituito il primo nucleo dell'Orchestra Multietnica di Arezzo.

 

Orchestra Multietnica di Arezzo in concerto

L’OMA oggi è composta da più di 30 musicisti e vuole tracciare un percorso di culture e di tradizioni. Un percorso di pace e di guerra, di nomadismo e di amore per le proprie radici, che dal Nord Africa sale su per la Turchia, la Grecia, i Balcani, l'Est Europeo, e arriva fino al nostro Paese, alle coste bagnate dal Mediterraneo, un percorso che oggi è quello delle  nuove migrazioni. Per provare a sentire le musiche di queste terre, per provare a capirle, per scoprire probabilmente  che le radici non sono poi così lontane tra di loro come si crede.

 

Sciamboli e Canti all’Altalena. Presentazione del progetto editoriale

Dalla memoria degli anziani riemerge un repertorio musicale che, in uso un tempo nel Sub-Appennino Dauno e in altre aree dell'Italia meridionale, era caratterizzato da un disegno melodico discendente e da un'intonazione arcaica della voce in canti antifonali associati all'uso dell'altalena.
In una lunga ricerca nell'originaria area d'elezione degli sciamboli in provincia di Foggia, si è così documentata un'antica forma di espressività popolare che, di preponderante afferenza femminile, nella permissività del Carnevale consentiva di affrontare, anche in termini licenziosi, tematiche prevalentemente amorose.

 

Viulan in Concerto

Il virtuosismo di assoluto livello, il gioco della sfida nel cantare e nel suonare, rendono coinvolgente ed entusiasmante le performances del gruppo. Un gruppo di amici prima che di artisti, perché il canto, nella cultura popolare, è un modo di vivere prima che un’espressione artistica.

 

Umberto Sangiovanni e Dauniaorchestra presentano “Sciamboli e Nuovi Inverni”

Attraverso la rimusicazione di questi canti in rima e in dialetto che venivano declamati dalle donne di Volturino e Accadia nel periodo di Carnevale testi se ne vuole da un lato conservare la loro memoria, la loro essenza storica, dall'altro rinnovare la loro attualità e regalare all'ascoltatore un modo per approcciarsi al passato attraverso i suoni di oggi.

 

Laboratorio di Musiche e Danze salentina, a cura degli Alla Bua

Un incontro con la musica e la danza degli Alla Bua, espressione della tradizione salentina che incontra la nuova generazione e la racconta

 

Alla Bua in concerto

Gli Alla Bua nascono dalle esperienze più tradizionali della cultura musicale salentina. Si sono formati tra le ronde della storica festa di San Rocco a Torrepaduli, nelle notti itineranti del canto a Santu Lazzaru, nelle tipiche feste nelle curti fatte di vino, voci spiegate e incessanti tamburelli.

 

Logo-VOLONTARIPer I Volontari della Rete sono disponibili posti letto. Le richieste devono pervenire entro il 3 agosto. Per informazioni organizzazione@reteitalianaculturapopolare.org 

 

banner-festival_copy

Sede nazionale:  Via Piave 15 - 10122  Torino Tel. +39  011/4338865 - Fax. +39 011/4368630 em@il:  info@reteitalianaculturapopolare.org - P.IVA 09555030015 - C.F. 08911340019